L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale ha emesso il primo avviso relativo alle procedure per richiedere i rimborsi per i costi supplementari sostenuti dagli autotrasportatori a causa del crollo del ponte Morandi

Dopo lo stanziamento di venti milioni per risarcire gli autotrasportatori che nel 2018 hanno subito costi maggiori a causa dell’interruzione dell’autostrada A10 in corrispondenza del viadotto Polcevera, l’Autorità portuale della città ligure, delegata ad erogare i ristorni, ha pubblicato sul proprio sito web la prima comunicazione che indica le procedure da intraprendere per ottenere il risarcimento.

Possono accedere al beneficio solo le imprese che hanno svolto autotrasporto di merce in conto terzi dal 15 agosto al 31 dicembre 2018.

Sono previste quattro tipologie di trasporto:

  • A1,  per le “missioni relative a consegna e/o prelievo di merci con origine e/o destinazione il porto di Genova e missioni di trasferimento merci tra i bacini portuali di Voltri-Prà e Sampierdarena (e viceversa)”
  • A2 per le “missioni di viaggio interne del medesimo bacino (Sampierdarena o Voltri-Prà), inclusi i depositi di cornice connessi al ciclo portuale e adiacenti al bacino stesso”
  • A3 per le “missioni di viaggio urbane riguardanti il Comune di Genova”
  • B riguarda “missioni di viaggio che hanno previsto tratte stradali/autostradali aggiuntive”

La procedura si articola in due fasi: accreditamento e invio delle richieste. Le imprese di autotrasporto dovranno accreditarsi in modo telematico secondo modalità che saranno comunicate successivamente e possono farlo solo quelle iscritte all’Albo degli autotrasportatori in conto terzi. Le imprese possono delegare anche soggetti titolati, che devono avere un certificato fornito dalle associazioni che fanno parte dell’Albo stesso e le loro società di servizi. L’accreditamento avverrà in diversi periodi, secondo lo status delle imprese, dal 16 aprile al 20 maggio 2019. Dopo l’accreditamento, le imprese potranno inviare le richieste di ristoro dal 7 al 31 maggio 2019.
SCARICA LA NOTA DELL’ASP AL SEGUENTE INDIRIZZO